5 cose che Apple dovrebbe imparare da Google

L’azienda perfetta? Quella che sa confrontarsi con il mercato con autocritica, proponendo sempre le più importanti innovazioni, riuscendo, con ogni prodotto, a stupire anche i più scettici. Questo è stato, da tempo, il vero credo di Apple, che con iPod, iPhone e iPad ha scritto, sino ad oggi, una delle più importanti pagine dell’evoluzione tecnologica dei dispositivi.

In questo articolo, invece, grazie ad un video realizzato da iDownloadblog, vi proporremo alcune interessanti idee su ciò che può e deve migliorare. Anche proponendo un titolo accattivante e provocatorio, come quello utilizzato in questo articolo.

5 cose che Apple dovrebbe imparare da Google

Volendo approfondire, ecco i punti salienti che Apple dovrebbe prendere in esame dai cugini di Android. Probabilmente, molte migliorie saranno adottate con il rilascio dell’iOS 6.

Widget: l’azienda di Coupertino li evita a priori, ma molti utenti sono affascinati da widget orologio o quella della lettura dei feed RRS. Oltretutto, sono graditi da molti utenti proprio perché forniscono interessanti possibilità di personalizzazione del proprio dispositivo. Oltretutto, i widget utilizzabili mediante jailbreak sono  davvero ben realizzati.

Dettatura Online: abbiamo scritto molto riguardo a Siri, ancora non disponibile in versione italiana, che verrà resa disponibile con iOS 6. Sarebbe però fondamentale poter utilizzare un sistema di dettatura in modalità offline, dunque senza necessità di ricorrere alla connessione web.

L’analisi della batteria. Android utilizza un sistema efficace per analizzare la durata della batteria in relazione alle applicazioni utilizzate. L’App Store propone diverse App interessanti con tali finalità, ma sarebbe opportuno inserire un tool di sistema, che garantisca tale opportunità.

Le App recenti: il sistema Android di visualizzazione delle App utilizzate di recente è ben fatto e particolarmente efficace, e consente la visualizzazione degli snapshot delle schermate proprio nel punto in cui le avevamo lasciate. Sui dispositivi Apple possiamo usare la barra del multitasking.

La suite di prodotti: Apple ha fatto dei passi da gigante con il rilascio di iCloud, ma la suite di prodotti Google, e la loro capacità di integrarsi con Android rappresenta, al momento, uno dei più evidenti ostacoli per l’azienda di Tim Cook. Che comunque sa sempre tirare fuori dal cilindro quelle sensazionali invenzioni che gli hanno permesso, nello specifico, di mantenere la leadership nell’innovazione. E il futuro ormai prossimo, con il rilascio di iOS 6, iPad Mini, e nuovo iPhone daranno filo da torcere ai diretti concorrenti.

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>