Sono ancora una volta i raggi cosmici a finire nel mirino degli scienziati che puntano a capire quali sono i loro reali effetti sugli astronauti. Ne è scaturito uno studio del Georgetown University Medical Center, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America (PNAS), che mette in evidenza i gravi problemi all’apparato gastrointestinale.

Com’è noto, senza la protezione della magnetosfera che avvolge la nostra Terra, nello spazio si è in balia di queste particelle energetiche. Si tratta di ioni pesanti dannosi per la loro massa che potrebbe essere contrastata in futuro con dei medicinali ma contro cui al momento non c’è protezione.

Nel caso di viaggi “brevi” come quello per la Luna i rischi sono ovviamente minori. Il problema si pone quando si pensa a viaggi nello spazio profondo, come quello che potrebbe portare l’uomo su Marte nei prossimi anni. L’insorgere di tumori a stomaco e colon, com’è stato sperimentato su dei topi da laboratorio, è molto più probabile.

SHARE