Scaricare con BitTorrent – Creare il proprio server torrent (parte 2)

torrent

Volete condividere file di grandi dimensioni con alcuni amici, ma vi preoccupate di come mantenere privato il trasferimento? Ecco come usare uTorrent come un semplice tracker e condividere file privatamente con i vostri amici. Seconda parte della guida “scaricare con bittorrent”

Bittorrent – Condividere File tramite il proprio tracker

Come forse sapete, i file sono scaricati attraverso i “torrent”, piccoli file contenenti testo che funziona come istruzioni per il tracker. Per scaricare file, andate sul sito del vostro tracker e scaricate il file torrent, che è normalmente sotto i 30 KB di dimensione. Aprite poi il torrent nel vostro client BitTorrent preferito e avete iniziato a scaricare! Il processo è così semplice, anche se ci sono molte cose che potete fare per migliorare la vostra connessione se giocate con le impostazioni del client.

Bittorrent – Condividere File tramite il proprio tracker: Passo dopo passo

Prima di tutto, scaricate e installate il vostro client BitTorrent. Qui sto usando uTorrent come client per Windows. Se state usando Mac o Linux non sarà troppo difficile seguire la guida usando Transmission.

Avremo poi bisogno di un file torrent. Ho un torrent dell’album “Break Rise Blowing” dei Countdown da Jamendo.
torrent

Una volta che avete il vostro file torrent in una cartella ben organizzata o facile da raggiungere, tutto ciò che dovete fare è cliccare due volet sul file .torrent per caricarlo nel vostro client. Vedrete uTorrent aprirsi e apparirà una finestra con le opzioni per quello specifico download.
torrent

Qui poette scegliere dove il file verrà scaricato, se volete o non volete aggiungerlo in cima alla coda dei vostri torrent, e potete perfino togliere alcuni file dall’elenco di quelli da scaricare. Una volta che avete deciso cosa impostare, potete cliccare su OK.
torrent

Nella finestra principale di uTorrent vedrete la coda. Da qui potete gestire i vostri torrent.

- Il pulsante Pause fermerà il download ma lascerà le connessioni aperte.
- Il pulsante Stop bloccherà il download e chiuderà le connessioni.
- Il pulsante rosso X vi chiederà se volete cancellare il torrent (e i file, se volete).
- Il pulsante Freccia Su aumenterà la priorità del torrent tra gli altri attivi in questo momento.
- Il pulsante Freccia giù diminuirà la sua priorità nella coda.

Vediamo ora come creare il proprio server torrent

Bittorrent – Condividere File tramite il proprio tracker: Trovare l’IP pubblico e configurare il vostro router

Prima di iniziare, avremo bisogno di alcune informazioni importanti. Prima di tutto, avrete bisogno di conoscere il vostro IP esterno. Un modo molto semplice di trovarlo è visitare WhatIsMyIP.com. Vedrete il vostro IP in un carattere molto grande nel formato XXX.XXX.XXX.XXX, e dovrete copiarlo.
torrent

Se avete un servizio DNS come DynDNS.com, potete usare il vostro URL di reindirizzamento DNS invece del vostro indirizzo IP.

In seguito, dovrete sapere da quale porto state accettando connessioni in entrata, e se è aperto o no. Aprite uTorrent, andate in Opzioni > Preferenze. Cliccate sulla tab Connessioni sulla sinistra.
torrent

Vicino alla scritta “Porto usato per le connessioni in entrata” vedrete un numero di porto, quindi copiatelo. Avremo bisogno di controllare se quel porto è aperto quindi lasciate aperto uTorrent, andate nel Controllo Porti di uTorrent e inserite il porto selezionato. Se tutto va bene, dovrete vedere qualcosa come questo:
torrent

Se no, dovrete fare alcuni cambiamenti nella vostra configurazione del router. Infine dovremo abilitare il tracker interno di uTorrent. Nelle preferenze di uTorrent cliccate sulla tab Avanzate.
torrent

Cliccate su bt.enable_tracker e cambiate il valore a True. Poi, cliccate su OK e riavviate uTorrent perché i cambiamenti abbiano effetto.

Bittorrent – Condividere File tramite il proprio tracker:Creare un torrent privato

Ora che tutto è configurato e abbiamo tutte le informazioni importanti, creiamo un nuovo torrent privato. Andate su File > Crea nuovo torrent. Essenzialmente state aggiungendo il vostro IP e porto come tracker valido, come in questo screenshot.
torrent

Come potete vedere, mettiamo le nostre informazioni sotto la sezione Tracker nel seguente formato:

http://indirizzoip:porto/announce

http://localhost:porto/announce

La porzione Localhost è un riferimento a se stesso che dice a uTorre che qualsiasi computer su cui stia eseguendo è anche un tracker valido. Assicuratevi che Private torrent non sia selezionato. Questo impedisce la condivisione del torrent usando altri metodi come PEX e DHT. Ora, a meno che qualcuno abbia il torrent che avete creato, non può scaricare il vostro contenuto.

Per una maggiore sicurezza, potete forzare la cifratura per le connessioni in uscita. Andate su Opzioni > Preferenze, poi cliccate su BitTorrent.
torrent

Vicino a In Uscita, scegliete Forzato e togliete la spunta a “Permetti connessioni legacy in ingresso”.

Alcune note importanti:

- uTorrent DEVE essere in esecuzione perché qualcuno scarichi il torrent da voi.
- Il vostro indirizzo IP non deve cambiare durante il seeding (scusate, utenti di linea telefonica). Se avete un reindirizzamento DNS, le cose dovrebbero funzionare bene.
- Il vostro porto non deve cambiare durante il seeding.
- Se avete forzato la cifratura, i client di chi scarica devono essere configurati per permetterla.

uTorrent non è abbastanza potente per creare un tracker completo, ma funziona bene su piccola scala e nei nostri test ha effettuato il seeding per 10 persone senza problemi. È perfetto per la condivisione di file con amici senza l’utilizzo di un tracker pubblico e il sacrificio della vostra privacy, su Windows e OS X. Mentre Transmission non ha questa funzionalità integrata, abbiamo sentito parlare bene di uTorrent su WINE quindi gli utenti Linux non sono lasciati fuori.

E, ovviamente, se avete un parere diverso o volete condividere i vostri consigli e le vostre esperienze, fatelo nei commenti!

Ti è piaciuto l'articolo?

  • Si, mi piace! --------------------->
  • No, non sono d'accordo perchè... -->

No comments.

Leave a Reply