Auricolari non in-ear con bassi profondi

Se siete alla ricerca di auricolari dai bassi profondi ma gli auricolari in-ear vi danno fastidio, perché vi sembrano fondamentalmente dei tappi per le orecchie, allora vi consiglio gli EarPods di Apple. Innanzitutto, non sono in-ear, quindi niente fastidio nelle orecchie. So che dopo un uso prolungato, gli in-ear possono presentare degli inconvenienti, per alcune persone.

La forma è decisamente innovativa e peculiare solo di Apple, al netto di tantissime imitazioni che non hanno la stessa resa audio. Si adattano perfettamente all’interno dell’orecchio, ma non avvertirete nessuna pressione. Quindi saranno comodi in tutte le situazioni.

Inoltre, non sarete completamente isolati dai suoni dell’ambiente che vi circonda, come se foste sott’acqua. Questo può essere un vantaggio. Utile se – per esempio – vi suonano alla porta, o per sentire il timer del fornello in cucina. Oppure se ascoltate musica mentre passeggiate o andate in bicicletta in città, riuscirete a sentire i rumori più forti come il clacson delle automobili. Potrebbe essere utile per la vostra sicurezza.

Gli EarPods hanno bassi profondi e toni medi ben presenti, e una risposta in frequenza molto ampia, diversamente da tutti gli auricolari tradizionali tondi. Io posseggo anche gli auricolari tondi che Apple vendeva nel 2004, ma sembrano avere la risposta in frequenza di un citofono in confronto a questi nuovi EarPods. Sia chiaro: i vecchi auricolari tondi andavano bene per quell’epoca, ma con questi nuovi EarPods, Apple ha innovato veramente. Non sentirete molto la mancanza di un paio di cuffie. Personalmente ascolto molta musica e ho delle esigenze piuttosto alte per un paio di auricolari, ma le ho pienamente soddisfatte con questi EarPods.

Se usate Spotify, cercate una playlist “Songs to test Headphones with”. Si tratta di musica prodotta e registrata in maniera perfetta, adatta a testare la risposta in frequenza di auricolari o cuffie. Un punto di riferimento per gli audiofili.

Questo potrebbe aggiungere un po’ di pepe al vostro primo ascolto, appena aperta la confezione degli EarPods.

Provare per credere.

Se li userete con uno smartphone Android, potrete rispondere alle chiamate e concluderle, e il microfono funzionerà ovviamente, ma non potrete regolare il volume con gli auricolari (dovrete farlo dal telefono). E’ un piccolo svantaggio per gli unici auricolari non in-ear, e con un audio notevole, su tutto il mercato. Io li uso su Android, e non li cambierei con nient’ altro per come si sente la musica e perché non danno nessun fastidio nelle orecchie. Ovviamente, su apparecchi Apple la compatibilità è totale.

Sono disponibili su Amazon: qui con jack cuffie (3,5 mm) necessario per l’uso su smartphone Android, oppure qui con con connettore Lightning, per cellulari o devices Apple.

Giovanni Casetti

Giovanni Casetti. Fotografo professionista specializzato nel rendere astratta la natura, allo scopo di appenderla in casa, è andato spesso a braccetto con la scrittura. In un'altra vita è stato anche sistemista (cioè tecnico informatico), ma attualmente si ricorda solo le cose belle di quei tre lustri. Website di Giovanni Casetti

Giovanni Casetti ha 6 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Giovanni Casetti